COMUNE DI OSASCO

Stemma del Comune di OsascoAbitanti: 884
Superficie: 5,46 kmq
Altitudine: 344 mt s.l.m.
Centralino: 0121.541180
Festa patronale: Natività di Maria Vergine
www.comune.osasco.to.it


Veduta di Osasco
Veduta aerea - Ingrandisci la foto


Cenni storici

Osasco è situato a quattro chilometri da Pinerolo lungo la riva destra del Chisone. Il toponimo nasce dall'unione del nome gentilizio romano "Aucius" col suffisso "-ascum" da ciò "Auciusascus" e per contrazione "Oysaschus" e infine "Osascus". Sebbene sia di probabile origine celtica, i primi documenti che testimoniano l'esistenza risalgono al XIII secolo.
In un atto del 1246 si rileva che Osasco era feudo dell'Abbazia di Cavour. Nel 1325 l'abate di Cavour stipulò un accordo in base al quale, in cambio di 106 giornate di terra nelle vicinanze di Cavour e 900 lire viennesi cedette Osasco a Filippo di Savoia-Acaia. Nel 1334 il principe  Filippo in guerra con il marchese di Monferrato che con le sue truppe assaltò Osasco distruggendolo e incendiandolo. Ancora nel 1396 scoppiò un altro conflitto tra il principe d'Acaia Amedeo e il marchese di Monferrato Teodoro II che durò fino a novembre e che vide Osasco tornare nelle mani dei Savoia.
Nel 1406 Osasco venne data in feudo ai conti di Bricherasio. Iniziò così la dinastia dei Conti Cacherano di Osasco che rimarrà una delle più note e rilevanti famiglie della nobiltà subalpina fino al nostro secolo. Nel 1418 morì Ludovico di Savoia-Acaia, ultimo della sua linea e Osasco passò ad Amedeo VIII, primo duca dei Savoia. La fine degli Acaia ebbe conseguenze negative per il paese perché il borgo godeva di molti benefici in virtù delle vicinanze con Pinerolo  capitale degli Acaia.
Nei secoli XV e XVI visse così un periodo di involuzione economica.
Sono della metà del ‘400 gli statuti comunali che, identici, furono elargiti anche a Bricherasio. Composti da ben 190 capitoli minuziosi, ma miti, salvaguardavano molto anche la vita religiosa del popolo.
Nel 1486 e nel 1521 il comune fu colpito da una grave epidemia di peste con gravi esiti soprattutto nel secondo periodo.
Dal trecento al seicento a Osasco vi fu una consistente presenza valdese, alla quale fu posto fine con  "le pasque piemontesi" del 1655. Questo costò prima un saccheggio legale  dei soldati sabaudi (da parte del comando del Marchese di Pianezza) e poi scorribande della "guerriglia" valdese.
A causa della sua posizione, questo territorio fu toccato da tutti i conflitti fra lo stato sabaudo e la Francia. Dopo il 1748  (pace di Aquisgrana) Osasco conobbe un rilancio dell'agricoltura, ma dopo la dominazione francese nel 1808 fu colpito dal violento terremoto che interessò tutte le vallate pinerolesi.
Nel 1928 in ordine alla politica fascista dei grandi comuni Osasco fu aggregato a San Secondo di Pinerolo e ritornò autonomo solo nel dopoguerra.


Prodotti artigianali

Da segnalare sul territorio una azienda di elicicoltura e una azienda produttrice di formaggio nostrano.
Si sono impiantate nel  paese due aziende agricole con produzione di vari prodotti biologici.

Aziende

Azienda Agricola Elicicola Osaschese (Allevamento lumache) - Via Pinerolo, 44 Osasco tel.0121./541466


Associazioni ricreative/culturali

A.C.L.I.
A.N.A.
Associazione Donne Rurali
A.V.I.S.
Biblioteca
Centro Anziani e Pensionati
Compagnia Teatrale "I dobi d'Osasch"
C.R.S.
E.N.A.L. CACCIA
Federazione Coltivatori Diretti
F.I.D.C.
G.S. Bocce
Pro Loco
Società Operaia Agricola di Mutuo Soccorso


Shopping
(...)


Link utili
(...)